giovedì 28 agosto 2008

28 Agosto 1963

I am happy to join with you today in what will go down in history as the greatest demonstration for freedom in the history of our nation.
Five score years ago, a great American, in whose symbolic shadow we stand today, signed the Emancipation Proclamation. This momentous decree came as a great beacon light of hope to millions of Negro slaves who had been seared in the flames of withering injustice. It came as a joyous daybreak to end the long night of their captivity.
But one hundred years later, the Negro still is not free. One hundred years later, the life of the Negro is still sadly crippled by the manacles of segregation and the chains of discrimination. One hundred years later, the Negro lives on a lonely island of poverty in the midst of a vast ocean of material prosperity. One hundred years later, the Negro is still languished in the corners of American society and finds himself an exile in his own land. And so we've come here today to dramatize a shameful condition.
In a sense we've come to our nation's capital to cash a check. When the architects of our republic wrote the magnificent words of the Constitution and the Declaration of Independence, they were signing a promissory note to which every American was to fall heir. This note was a promise that all men, yes, black men as well as white men, would be guaranteed the "unalienable Rights" of "Life, Liberty and the pursuit of Happiness." It is obvious today that America has defaulted on this promissory note, insofar as her citizens of color are concerned. Instead of honoring this sacred obligation, America has given the Negro people a bad check, a check which has come back marked "insufficient funds."
But we refuse to believe that the bank of justice is bankrupt. We refuse to believe that there are insufficient funds in the great vaults of opportunity of this nation. And so, we've come to cash this check, a check that will give us upon demand the riches of freedom and the security of justice.
We have also come to this hallowed spot to remind America of the fierce urgency of Now. This is no time to engage in the luxury of cooling off or to take the tranquilizing drug of gradualism. Now is the time to make real the promises of democracy. Now is the time to rise from the dark and desolate valley of segregation to the sunlit path of racial justice. Now is the time to lift our nation from the quicksands of racial injustice to the solid rock of brotherhood. Now is the time to make justice a reality for all of God's children.
It would be fatal for the nation to overlook the urgency of the moment. This sweltering summer of the Negro's legitimate discontent will not pass until there is an invigorating autumn of freedom and equality. Nineteen sixty-three is not an end, but a beginning. And those who hope that the Negro needed to blow off steam and will now be content will have a rude awakening if the nation returns to business as usual. And there will be neither rest nor tranquility in America until the Negro is granted his citizenship rights. The whirlwinds of revolt will continue to shake the foundations of our nation until the bright day of justice emerges.
But there is something that I must say to my people, who stand on the warm threshold which leads into the palace of justice: In the process of gaining our rightful place, we must not be guilty of wrongful deeds. Let us not seek to satisfy our thirst for freedom by drinking from the cup of bitterness and hatred. We must forever conduct our struggle on the high plane of dignity and discipline. We must not allow our creative protest to degenerate into physical violence. Again and again, we must rise to the majestic heights of meeting physical force with soul force.
The marvelous new militancy which has engulfed the Negro community must not lead us to a distrust of all white people, for many of our white brothers, as evidenced by their presence here today, have come to realize that their destiny is tied up with our destiny. And they have come to realize that their freedom is inextricably bound to our freedom.
We cannot walk alone.
And as we walk, we must make the pledge that we shall always march ahead.
We cannot turn back.
There are those who are asking the devotees of civil rights, "When will you be satisfied?" We can never be satisfied as long as the Negro is the victim of the unspeakable horrors of police brutality. We can never be satisfied as long as our bodies, heavy with the fatigue of travel, cannot gain lodging in the motels of the highways and the hotels of the cities. We cannot be satisfied as long as the negro's basic mobility is from a smaller ghetto to a larger one. We can never be satisfied as long as our children are stripped of their self-hood and robbed of their dignity by a sign stating: "For Whites Only." We cannot be satisfied as long as a Negro in Mississippi cannot vote and a Negro in New York believes he has nothing for which to vote. No, no, we are not satisfied, and we will not be satisfied until "justice rolls down like waters, and righteousness like a mighty stream."¹
I am not unmindful that some of you have come here out of great trials and tribulations. Some of you have come fresh from narrow jail cells. And some of you have come from areas where your quest -- quest for freedom left you battered by the storms of persecution and staggered by the winds of police brutality. You have been the veterans of creative suffering. Continue to work with the faith that unearned suffering is redemptive. Go back to Mississippi, go back to Alabama, go back to South Carolina, go back to Georgia, go back to Louisiana, go back to the slums and ghettos of our northern cities, knowing that somehow this situation can and will be changed.
Let us not wallow in the valley of despair, I say to you today, my friends.
And so even though we face the difficulties of today and tomorrow, I still have a dream. It is a dream deeply rooted in the American dream.
I have a dream that one day this nation will rise up and live out the true meaning of its creed: "We hold these truths to be self-evident, that all men are created equal."
I have a dream that one day on the red hills of Georgia, the sons of former slaves and the sons of former slave owners will be able to sit down together at the table of brotherhood.
I have a dream that one day even the state of Mississippi, a state sweltering with the heat of injustice, sweltering with the heat of oppression, will be transformed into an oasis of freedom and justice.
I have a dream that my four little children will one day live in a nation where they will not be judged by the color of their skin but by the content of their character.
I have a dream today!
I have a dream that one day, down in Alabama, with its vicious racists, with its governor having his lips dripping with the words of "interposition" and "nullification" -- one day right there in Alabama little black boys and black girls will be able to join hands with little white boys and white girls as sisters and brothers.
I have a dream today!
I have a dream that one day every valley shall be exalted, and every hill and mountain shall be made low, the rough places will be made plain, and the crooked places will be made straight; "and the glory of the Lord shall be revealed and all flesh shall see it together."²
This is our hope, and this is the faith that I go back to the South with.
With this faith, we will be able to hew out of the mountain of despair a stone of hope. With this faith, we will be able to transform the jangling discords of our nation into a beautiful symphony of brotherhood. With this faith, we will be able to work together, to pray together, to struggle together, to go to jail together, to stand up for freedom together, knowing that we will be free one day.
And this will be the day -- this will be the day when all of God's children will be able to sing with new meaning:
My country 'tis of thee, sweet land of liberty, of thee I sing.
Land where my fathers died, land of the Pilgrim's pride,
From every mountainside, let freedom ring!
And if America is to be a great nation, this must become true.
And so let freedom ring from the prodigious hilltops of New Hampshire.
Let freedom ring from the mighty mountains of New York.
Let freedom ring from the heightening Alleghenies of Pennsylvania.
Let freedom ring from the snow-capped Rockies of Colorado.
Let freedom ring from the curvaceous slopes of California.
But not only that:
Let freedom ring from Stone Mountain of Georgia.
Let freedom ring from Lookout Mountain of Tennessee.
Let freedom ring from every hill and molehill of Mississippi.
From every mountainside, let freedom ring.
And when this happens, when we allow freedom ring, when we let it ring from every village and every hamlet, from every state and every city, we will be able to speed up that day when all of God's children, black men and white men, Jews and Gentiles, Protestants and Catholics, will be able to join hands and sing in the words of the old Negro spiritual:
Free at last! Free at last!
Thank God Almighty, we are free at last!³

martedì 26 agosto 2008


Ogni faccia è un miracolo. E' unica. Non potrai mai trovare due facce assolutamente identiche. Non hanno importanza bellezza o bruttezza: sono cose relative. Ogni faccia è simbolo della vita, e ogni vita merita rispetto. Nessuno ha diritto di umiliare un'altra persona. Ciascuno ha diritto alla sua dignità. Con il rispetto di ciascuno si rende omaggio alla vita in tutto ciò che ha di bello, di meraviglioso, di diverso e di inatteso. Si dà testimonianza del rispetto x sè stessi trattando gli altri con dignità. ( Tahar Ben Jalloun- Il razzismo spiegato a mia figlia)

Il razzismo esiste ovunque vivano gli uomini. Il razzismo è nell'uomo. Si è sempre lo straniero di qualcuno. Imparare a vivere insieme, è questo il modo di lottare contro il razzismo.Bisogna combattere il razzismo perchè il razzista è nello stesso tempo un pericolo per gli altri e una vittima di se stesso. E' in errore e non lo sa o non vuole saperlo. Ci vuole coraggio per riconoscere i propri errori. Non è facile ammettere di aver sbagliato e criticare se stessi.Il razzista è prigioniero delle sue contraddizioni e non ne vuole venire fuori. Quando uno riesce a uscire dalle sue contraddizioni, va verso la libertà. Ma il razzista non vuole la libertà. Ne ha paura. Come ha paura della differenza. L'unica sua libertà che ama è quella che gli consente di fare qualsiasi cosa, di giudicare gli altri e di permettersi di disprezzarli per il solo fatto di essere diversi.
( Tahar Ben Jalloun - Il razzismo spiegato a mia figlia)

Gran brutta malattia il razzismo. Più che altro strana: colpisce i bianchi, ma fa fuori i neri. ( Albert Einstein)

L'unica razza che conosco è quella umana. (Albert Einstein)

Il razzismo è l'espressione del cervello umano ridotta ai minimi termini. (Rigoberta Menchú)

lunedì 25 agosto 2008


Bambini, troppo piccoli, spesso, per sopportare i pesi di una vita...

bambini con volti e pensieri da adulti...

bambini dimenticati, bambini che non sono mai stati bambini, senza un barlume di speranza...

Nel mondo 600 milioni di bambini vivono in povertà, 10 miloni tra essi, sotto i 5 anni muoiono ogni anno a causa di malattie facilmente prevedibili;

77 milioni di bambini non vanno a scuola e 40 milioni vivono in paesi dove c'è la guerra o in situazioni di post conflitto...

Sabato scorso si è celebrata la Giornata internazionale in ricordo della schiavitù e della sua abolizione, e Save The Children ha presentato un dossier che tratta delle condizioni disumane nelle quali versano centinaia di bambini e adolescenti in Italia: i nuovi 'schiavi' costretti a prostituirsi, rubare, spacciare droga, mendicare, lavorare, coinvolti nelle adozioni illegali e nel traffico di organi. Secondo i dati ufficiali sono 54.559 le vittime di tratta che hanno ricevuto un primo aiuto tra il 2000 e il 2007; quelle che poi hanno aderito a progetti di protezione sono state 13.517, di cui 938 hanno meno di 18 anni. Numeri sottostimati, secondo il dossier, in quanto molti minori trafficati e sfruttati rimangono invisibili sia per le caratteristiche della tratta - fenomeno criminale e quindi occulto - sia per le mutevoli e sofisticate strategie di sfruttamento e assoggettamento messe in atto dagli sfruttatori. Si tratta delle più svariate pratiche che vanno dallo SFRUTTAMENTO SESSUALE ( che coinvolge soprattutto adolescenti femmine, nigeriane e dell'Europa dell'est, costrette a firmare un contratto, private della libertà e costrette a pagare tra i 30 e i 50 mila euro per riscattarla, prostituendosi su strada o reclutate da conoscenti o parenti, a volte rapite, passano il confine in auto, pullman o a piedi), all' ACCATTONAGGIO ( praticato soprattutto da minori Rom romeni o provenienti dall'ex Jugoslavia, talvolta con problemi fisici e spesso subendo violenze), alle ATTIVITA' ILLEGALI ( che coinvolge minori di ambo i sessi per lo più romeni ma anche di origine nordafricana, reclutati nei paesi di origine e condotti in Italia per compiere furti e scippi. I minori provenienti da Senegal e Gabon sono invece impiegati nel trasporto e spaccio di droga - cocaina, eroina, crack - e tenuti sotto ferreo controllo al punto che a molti di essi vengono abrasi i polpastrelli affinché non siano identificabili dalle forze dell'ordine: un numero sempre più rilevante di questi minori diventa a sua volta consumatore e dipendente dalla droga), al LAVORO FORZATO ( adolescenti provenienti da India, Bangladesh e Africa che vengono impiegati nell'allevamento di bestiame o in agricoltura, costretti a lavorare tantissime ore per paghe irrisorie), fino alle ADOZIONI ILLEGALI ED ESPIANTO DI ORGANI( la Procura di Roma ha avviato indagini su un presunto traffico di minori dall'Albania verso Grecia e Italia per espianti illegali).

In Italia, secondo Save the Children, i minori sfruttati e trafficati possono contare su buone leggi, ma occorre migliorare ed estendere gli interventi di contatto delle vittime o potenziali vittime, anche attraverso l'impiego di equipe di strada o di operatori alla pari. Bisogna poi, aggiungono, mettere più impegno nell'identificazione dei minori vittime di tratta, che a volte vengono considerati semplicemente dei piccoli criminali. "Auspichiamo - dice Carlotta Bellini di Save the Children Italia - che il governo sviluppi un piano nazionale anti-tratta e che l'Italia proceda alla ratifica della Convenzione del Consiglio d'Europa sulla lotta contro la tratta".

giovedì 21 agosto 2008

Il diavolo e l'acqua santa (ma come si permette?)

''Quanto alla giustizia, si tratta di mettere in pratica molte delle idee di Giovanni Falcone: separazione dell'ordine degli avvocati dell'accusa dall'ordine dei magistrati, indirizzo dell'azione penale superando l'attuale ipocrisia della finta obbligatorieta', criteri meritocratici nella valutazione del lavoro dei magistrati''. Queste le parole di berlusconi al quotidiano 'Tempi'.

Non volevo crederci, queste frasi non potevano essere pronunciate da un super condannato come lui, da chi mette i bastoni fra le ruote alla magistratura denigrandola, affermando che i giudici non si devono sostituire alla legislatura (nel caso specifico del ragazzo di sinistra tolto alla madre); parole pronunciate da chi si crea leggi apposta per cavarsela sempre, da colui che sposta i magistrati non asserviti qua e là, alimentando e creando pareri negativi nei confronti della giustizia e di chi dovrebbe rappresentarla. Sfiducia nella giustizia, nient'altro.

Giustissime la replica di Di Pietro :"Berlusconi lasci stare Falcone, e' come il diavolo che parla dell'acqua santa... "I problemi della giustizia -aggiunge- stanno nella mancanza di fondi e nella penuria del personale, e non nella mancata separazione delle carriere".
"Cosi' si vuole soltanto sottomettere la giustizia al potere politico per segnare la parola 'fine' alla certezza del diritto. E' incredibile -accusa l'ex pm- sentir dire a Berlusconi che in Italia ci sono tanti magistrati seri, ma sappiamo che per il presidente del Consiglio tutti i giudici sono buoni tranne quelli che indagano su di lui e sui suoi amici. Poi parla di criteri meritocratici per valutare il lavoro dei giudici, ma la vera meritocrazia -conclude Di Pietro- e' quella dei magistrati che non si fermano davanti a nessuno, tanto meno davanti al potente di turno".

Io aggiungo che è proprio stato questo merito, questo andare avanti nonostante tutto, nonostante partiti e capi di turno, che ha ucciso due uomini e magistrati grandissimi che per sempre rimarranno nella memoria e nel cuore di chi crede nella giustizia e in ciò che rappresenta!Ero abbastanza grande per capire, nel periodo delle due stragi, che cosa stesse succedendo al paese in mano alla mafia, sostenuta dal potere alto; per me saranno sempre due eroi, due uomini che attraverso il loro operato mi han fatto credere che una giustizia c'è ma che questa stessa giustizia, alla base di una società democratica, molto spesso perde. Ma loro non si sono mai persi d'animo, fino alla morte... bisogna continuare a lottare e pochi si assumono questo rischio: il mio rispetto nei loro confonti è profondissimo.
Berlusconi, al contrario, non rischia nulla, è lui che prende le decisioni che sconvolgeranno il nostro futuro, il futuro di un' intera nazione. Tirando in ballo una professione e determinate idee che contraddistinguevano Falcone (e non solo) si schernisce e sminuisce ciò che è stato fatto: sono due direzioni opposte. Non varrà nemmeno una briciola dell' operato di Falcone!

mercoledì 20 agosto 2008

Anche se in ritardo...

Isaac Lee Hayes, Covington, 20 agosto 1942 – Memphis, 10 agosto 2008

martedì 19 agosto 2008

La degenerazione della specie parte seconda

Questa volta è toccato ad un ragazzo angolano di 24 anni, figlio di un dipendente del ministero dell'Innovazione dell'Angola, da 4 anni in Italia per studio. E' accaduto a Genova: il ragazzo si trovava vicino ad un locale quando un gruppo di ragazzi l'ha insultato con frasi razziste e l'ha aggredito con calci e pugni; il giovane ha cercato di difendersi, poi e' fuggito.
La notizia è completamente passata inosservata, non una parola di condanna per un gesto, l'ennesimo, che non è degno di considerazione, in un'estate in cui le olimpiadi e il traffico vacanziero la fanno da padrona, scavalcando nei palinsesti la guerra in Georgia, gli aumenti che ci saranno da settembre, la gente ammazzata per la mafia (succede ogni giorno) ed avvenimenti del genere. La solerzia nell'informare, mancata anche questa volta, non si verifica mai nel caso contrario; una tattica, ben studiata e rodata per far temere lo straniero e non il nostro vicino di casa: perchè i delinqenti, ricordiamolo, non hanno bandiera né colore e questi teppisti, agevolati sicuramente dal clima di intolleranza creato dal governo, non vengono mai puniti a dovere, nemmeno dai media che sanno perfettamente di avere tra le mani uno degli strumenti più potenti: la possibilità di informare, ma mai in modo obiettivo! E così vittime innocenti come questo ragazzo, come chi è stato pestato perchè indossava una maglietta 'scomoda' o ucciso per aver negato una sigaretta, non hanno lo stesso valore rispetto ad una (in)civiltà che si considera superiore... una (in)civiltà che per ignoranza e incompetenza ferma un uomo nato in italia ma a cui si chiede il permesso di soggiorno, trattandolo come un criminale solo per il colore della pelle; la stessa (in)civiltà che fa aspettare anni ad un immigrato per ottenere i documenti mentre, se si tratta di un giocatore che approda in una squadra blasonata (perchè sono convinta che lo stesso non accade nelle categorie inferiori) , ci si mette pochissimo per regolarizzarlo.
Una inciviltà in tutti i sensi, alla quale sempre più mi vergogno di 'appartenere'...

venerdì 15 agosto 2008

Il boia non si ferma

A Dallas, in Texas, la settima esecuzione dall'inizio dell'anno; è la numero 412 dal 1982:

il 13 Agosto alle 6:45, Leon Dorsey, 32 anni, è stato giustiziato con con iniezione letale, era colpevole di avere ucciso due commessi nel 1994 durante una rapina in una videoteca.

E poi Bush ha il coraggio di criticare il governo cinese che, sì, deve essere additato come tra i primi che non rispettano i diritti umani, ma fossi nel presidente degli Usa mi preoccuperei di ciò che avviene ancora in molti dei suoi stati ( Alabama, Arizona, Arkansas, California, Colorado, Delaware, Florida, Georgia, Idaho, Illinois, Indiana, Kentucky, Louisiana, Maryland, Mississippi, Missouri, Montana, Nebraska, Nevada, New Mexico, N. Carolina, Ohio, Oklahoma, Oregon, Pennsylvania, S. Carolina, Tennessee, Texas, Utah, Virginia, Washington, Wyoming, più il governo federale) e provvederei a dare il buon esempio abolendo questo abominio nei confronti dell' essere umano.

martedì 12 agosto 2008

Rifiuti tossici

Anche questa volta l'Onu sembra aver fallito; una missione durata una settimana e conclusasi con una triste constatazione: le multinazionali riescono sempre a vincere...
E così nonostante siano passati due anni dallo scarico illegale di rifiuti tossici ad Abidjan da parte della multinzionale svizzero olandese Trafigura, il territorio non è stato bonificato e molti degli intossicati versano in condizioni di estrema povertà, in attesa degli indennizzi per pagarsi le cure mediche: nella notte tra il 19 e il 20 agosto 2006, la Trafigura depositò in diverse discariche a cielo aperto di Abidjan circa 500 tonnellate di rifiuti tossici liquidi, che contaminarono terreni e fossi; almeno 16 persone morirono, 100 mila rimasero intossicate. Secondo la missione delle Nazioni Unite, i sette siti contaminati alla periferia di Abidjan non sono stati bonificati e rappresentano ancora un pericolo per la salute dei residenti. Molte delle persone contaminate continuano a soffrire a causa delle esalazioni velenose, soffrono di malattie della pelle, dolori intestinali, infiammazioni alle vie respiratorie, encefalite. Poco più di 55 mila persone, solo il 60% delle vittime, sono già state indennizzate dalla compagnia, che continua a negare di aver commesso un illecito. (
Hanno di nuovo vinto loro, i potenti, visto che il processo si è concluso con un patteggiamento: e intanto le persone soffrono impotenti di fronte ad una giustizia che non c'è e che premia solo il più scaltro!

lunedì 11 agosto 2008

Non sapere

Non sopporto proprio le persone che parlano a vanvera e sopattutto gente che parla senza sapere, senza alcun riscontro per cui affermano certe cose.

E così oggi mi ritrovo a leggere che il senatore friulano della Lega Nord Mario Pittoni ha affermato che "In Italia meno di un quinto di quanti si dichiarano rifugiati politici è davvero tale, con le conseguenze che conosciamo sull'organizzazione degli aiuti". Dunque, innanzitutto per la convenzione di Ginevra, che l'Italia ha firmato senza fucili puntati contro, il rifugiato politico ha diritto di stare nel paese in cui giunge; il rifugiato non è come l'immigrato che tanto si vuole criminalizzare; il rifugiato scappa da paesi devastati da guerre, dalla fame, dalle peggiori dittature. Ma come si fa a dubitare dello status di queste persone? come sottovalutare la sofferenza che vivono giorno dopo giorno?C'è un elenco di paesi per i quali si riconosce lo satus di rifugiato anche se,lavorando in uno sportello migranti e rifugiati, mi sono capitate alcune storie di persone provenienti dal Darfur con una causa in corso:le varie prefetture non volevano riconoscerli come tali. Forse mi è sfuggito qualcosa ma mi sembra che il Darfur sia ancora devastato da guerra e violenza; fossi nel senatore leghista mi preoccuperei di più di queste profonde negligenze per nulla democratiche: dovrebbe farsi un giro nei centri che accolgono queste persone e vedere le cicatrici e le mutilazioni, nonchè gli occhi, di queste persone!

sabato 9 agosto 2008

La discarica del Ghana

Il rapporto di Greenpeace "Ghana contamination.Pericolo chimico nei siti di riciclo e smaltimento dei rifiuti eletronnici" mette in luce un gravissimo problema del quale si parla troppo poco: le discariche a cielo aperto.

Il Ghana è una di queste: milioni di prodotti elettronici rotti e inutilizzati delle più note marche, provenienti da Germania, Corea, Svizzera, Olanda e Italia e venduti nel mercato africano come ancora utilizzabili; container pieni di computer, televisori, telefonini, elettrodomestici.

Solo due le aree di smantellamento dei rifiuti visitate e analizzate dalla squadra scientifica di Greenpeace nel paese, una al mercato di Abogbloshie, nella capitale Accra, il principale centro di riciclaggio di rifiuti elettronici in Ghana, e l'altra nella città di Korforidua. Ma i risultati delle analisi danno risultati pericolosi in entrambi i casi: nel terreno e nell’aria sono presenti sostanze tossiche, come il piombo (in quantità cento volte superiore alla norma), cadmio, antimonio; composti organici a base di cloro e bromo, usati negli ammorbidenti della plastica in PVC (pericolosi per il sistema riproduttivo), e ancora composti chimici a base di bromo (difenileteri polibromurati-PBDE) e fosforo (trifenil fosfato-TPP), o infine dei PCB (policlorodifenili), vietati per la loro tossicità nelle nuove produzioni, ma ancora presenti in vecchi elettrodomestici.

I rifiuti vengono in un primo momento dissemblati a mano, poi trattati e bruciati, da giovani lavoratori, la cui età va dagli 11 al 18 anni, ma ci sono casi anche di bambini molto più piccoli, fino ai 5 anni. Tutti lavorano a mani nude, senza prendere nessuna precauzione Il fuoco permette di separare i componenti plastici da quelli metallici, soprattutto alluminio e rame, che vengono rivenduti per due dollari al chilo. I componenti plastici bruciati liberano però nell’aria sostanze tossiche , anche cancerogene, come le tossine, che stanno contaminando in maniera sedentaria non solo il terreno, ma anche l’aria. (

Un mercato che produce 50 milioni di tonnellate di rifiuti a livello globale, il 75% dei quali si perde alimentando,così, il comercio illegale; un commercio che gioca con l'ambiente ma sopattutto con la vita dei tanti bambini che inalano queste sostanze tossiche.

venerdì 8 agosto 2008


Mentre tra poche ore si darà il via ai giochi olimpici, mentre ci saranno milioni di persone attaccate allo schermo che non vedono l'ora di seguire i diversi sport, mentre ci saranno capi di stato che stringeranno le mani al presidente cinese (molti ritrattando le loro scelte precedenti), NON DIMENTICHIAMOCI di chi non ha i propri diritti riconosciuti...

E' una questione che riguarda tutti noi!

giovedì 7 agosto 2008

Amianto nell'ospedale

Questi video pubblicati su youtube e girati da alcuni dipendenti dell' ospedale molinette di Torino, mostrano la presenza di amianto all' interno dell'ospedale, dove oltre ai dipendenti, si trovano a passare i malati.

Il filmato è stato girato dai dipendenti dell'ospedale.Dopo alcuni casi di asbestosi già riconosciuti, a molti dipendenti sono stati concessi i benefici di legge per gli esposti ad amianto.

mercoledì 6 agosto 2008

Una delle tante,passata inosservata

Ovviamente, tanto per cambiare, sono lontano da noi; quindi: a chi importa?!
Perchè segnalare un avvenimento importante che non ci implica in prima persona(si parla solo di questo governo ridicolo) che però coinvolge la vita e il destino di migliaia di persone?Magari quando si tratta di un paese che già attraversa una grave crisi politica...

il presidente della Mauritania Sidi Ould Cheikh Abdallahi - democraticamente eletto nel marzo 2007- e il primo ministro Yahya Ould Ahmed Waghf sono stati arrestati mercoledì a Nouakchott nel bel mezzo di un tentativo di colpo di stato. La radio e la televisione non trasmettono più...

martedì 5 agosto 2008

Il piombo uccide in banlieue

Dakar.Veri e propri lotti di piombo venduti a 200,000 franchi CFA, stoccaggi di motori delle macchine tra le abitazioni: un commercio che risale al 1975 e che passa inosservato, anche sotto gli occhi delle autorità. Tra l'ottobre 2007 e il mese di marzo di quest'anno 18 bambini di età inferiore ai 6 anni sono morti intossicati: il tasso di piombo presente nel loro sangue (che dovrebbe essere di 350 microgrammi per litro) raggiungeva i 3500 microgrammi per litro.

Bambini che portano le loro dita alla bocca e vengono infettati:vomito, convulsioni e morte; danni al sistema nervoso, ai reni, alle ossa.

Alcuni vengono isolati e portati in un centro di disintossicazione,allontanati dalle famiglie, anch'esse contaminate e che probabilmente non vedranno mai più; ma i miglioramenti non sono ancora verificabili.

E nonostante questa situazione le uniche misure prese sono state lo spostamento dei sacchi di piombo presenti e la copertura dell'area contaminata con della sabbia. Il piombo viene mischiato con altri materiali e gli oggetti poi venduti: e così mentre altri bambini muoiono e 634 adulti attendono ancora una disintossicazione, nessun fascicolo giudiziario è stato aperto per determinare i reponsabili.

lunedì 4 agosto 2008

Tre anni dopo...

Sono passati tre anni... c'è ancora molto da fare...

Nel febbraio di quest'anno almeno la metà degli abitanti di New Orleans erano ancora senza un tetto; non potevano tornare a casa.

Ma si va avanti, si cerca nella speranza di ricostruire, come mostrano queste immagini:

Per non dimenticare...

sabato 2 agosto 2008


"Un mandato impossibile da eseguire", secondo l'Onu.
Eritrea ed Etiopia si ritrovano nuovamente senza controlli e poichè i dissapori tra i due paesi (l' Etiopia non ha mai accettato i nuovi confini mentre Asmara, da parte sua, ha incominciato a tagliare i rifornimenti di carburante ai caschi blu) non sono mai cessati, si teme per lo scoppio di una nuova guerra.
E in una situazione così calda l'Onu, sulla cui reale funzione sono sempre stata molto perplessa, ha deciso di non prorogare la missione di peacekeeping nella zona di confine tra i due stati.
E' oltremodo scioccante come un organo internazionale riesca ad avere così poco peso;non posso credere che non reputino necessario un ulteriore controllo di queste zone in balia di governi accecati dal potere. Non può essere vero; non ci si può scordare dei numerosi anni di guerra ( non ancora finita) e dei civili che sono morti: distruzione, fame, regimi dittatoriali.
Ho una grande paura: che altre zone possano fare questa fine, che i conflitti armati che ci sono in molti paesi africani vengano a tal punto sottovalutati da non rendere necessaria la presenza dell'Onu.
Chi vuole tutto questo?