mercoledì 24 settembre 2008

Crimine di guerra e crimine contro l'umanità

Joseph Kony, leader of the LRA, surrounded by his officers. Photograph: Reuters/STR
Lo scorso 17 settembre, nel territorio di Dungu (RdC), sono stai rapiti 90 bambini, 50 dalla scuola elementare di Kiliwa e altri 40 dalla scuola media di Duru, da parte del Lord Resistance Army (LRA), gruppo ribelle ugandese. Oltre ai rapimenti, probabilmente i bambini sono stati portati nelle basi dell' LRA nascoste nella foresta, sono stati uccisi tre civili e saccheggiati dei presidi sanitari, dati poi alle fiamme.

L'UNICEF ha in corso nella Repubblica Democratica del Congo la sua più vasta operazione umanitaria al mondo, rispondendo ai bisogni di sfollati, ex rifugiati e comunità d'accoglienza, in particolare nel settore sanitario, nutrizionale, idrico e igienico-sanitario, dell'istruzione e della protezione dell'infanzia. Si richiede a tutte le parti coinvolte, che sia assicurata la protezione di donne e bambini e «...il rilascio incondizionato dei bambini rapiti» ha detto Julien Harneis, responsabile dell'UNICEF per le operazioni sul campo nell'est della Repubblica Democratica del Congo. «Questi bambini sono stati presi con la forza dalle loro scuole e temiamo che ora saranno costretti a combattere o ad aiutare negli scontri, mettendo la vita a rischio».





2 commenti:

Saamaya ha detto...

"infinita tristeza" per citare il mio "guru" Manu Chao.

ciao cara. Si riprende lentamente ogni accordo della vita autunnale. io son sempre un po' riottosa agli adattamenti.

Ma ce la posso fare.

Uhuru na usalama ha detto...

Il grande Manu Chao!!..
Non mi parlare di adattamenti..mi viene così bene quello verso la primavera..ma verso l'autunno proprio no...e poi la città in cui vivo non aiuta proprio...